Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Europa vs America: la sanità

Negli Stati Uniti se non hai un’assicurazione sanitaria non puoi ammalarti. E’ vietato ammalarsi. L’ho sempre sentito dire. Ma ora che vivo qui l’ho capito davvero. Una visita medica specialistica costa 750 dollari (avete letto bene). Una visita dal medico di base, il vecchio dottore della mutua che ti scrive le ricette se avete un po’ di mal di gola e qualche linea di febbre e volete farvi visitare ne costa 350 di dollari. Se poi il medico di base vi prescrive anche una scatola di antibiotici con tre pastiglie tre per fare un ciclo di quelli rapidi ammazza febbre e andate in farmacia preparatevi a tirare fuori dai 100 ai 150 dollari. Se ci aggiunge un antidolorifico raddoppiate il conto finale per la farmacia.

In Europa una delle conquiste più civili della bistrattata Unione europea è il servizio sanitario pubblico europeo. La Sanità per tutti – con tutti i suoi problemi e i suoi acciacchi – da noi esiste. Ogni cittadino europeo ha diritto a farsi curare dove vuole in Europa, il diritto alla salute è riconosciuto al di là del conto in banca. Il servizio sanitario pubblico è uno dei capitoli maggiori di spesa della Ue, finanziato per larga parte con i soldi dell’Iva che tiriamo fuori ogni volta che compriamo qualcosa.  Spesso non ci rendiamo conto della fortuna che abbiamo ad avere la sanità pubblica. La famosa erba del vicino sempre più verde della nostra.

Brooklyn il quartiere di New York dove vivo ora è uno straordinario melting pot pacifico di etnie e di generazioni che vivono uno accanto all’altra. A ogni isolato ti può cambiare il panorama umano: entri in un posto a prendere un panino e ti sembra di stare in Africa, dopo 500 metri sei in India, in Italia, in Giamaica, Messico o in Israele tra hipster, creativi a go go, rapper che suonano per strada e millennial che hanno scelto questo grande sobborgo di Nyc dove vivere.

Da tutto il mondo si guarda a questo grande paese,  gli Stati Uniti, come la patria desiderata, il posto dove approdare per cercare di migliorare la propria vita. L’America!… E’ da sempre così. Da quando i nostri migranti prendevano le navi nei primi Novecento dal porto di Napoli o di Genova. In realtà, la realtà quotidiana, appunto, di chi vive in questa grande nazione è dannatamente più complicata. Se, per dire, sei un vecchio di colore e vivi a Brooklyn e non hai soldi, semplicemente  scegli di non farti curare perché puoi. Mi capita di incontrarne per strada ogni giorno di vecchi così. E allora resti con i tuoi denti sgangherati, con i buchi grandi così dove mancano. E non puoi farci niente. Niente.

  • Laissezfaire |

    Grazie per il contributo, sperando che articoli così ci facciano capire la china che ha preso l’Occidente in tema di sanità. Solo un appunto: la Sanità italiana, non europea, perchè prima viene quella nazionale, poi quella intranazionale. In Francia e Germania ad esempio si prevede il finanziamento con l’iscrizione obbligatoria all’assicurazione sanitaria, che rimborsa le spese mediche ai cittadini. In Italia invece si prevede il finanziamento in prevalenza dal gettito fiscale e organizzato in sistema sanitario nazionale. Saluti.

  Post Precedente
Post Successivo