Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Guinea, rimosso il premier sindacalista Kouyaté

Il primo ministro della Guinea Lansana Kouyaté, nominato nel febbraio 2007 per far cessare le contestazioni contro il regime del presidente Lansana Conté, è stato rimosso dall’incarico martedì con decreto presidenziale. Lo ha annunciato la tv di Stato. Kouyaté, 58 anno, era stato nominato dietro le pressioni dei sindacati e della comunità internazionale al termine di una serie di scioperi generali accompagnati da diverse manifestazioni di protesta popolare contro il regime del presidente Conté, accusato di cattiva gestione e corruzione.  Una tipica (brutta) storia africana.

La repressione delle proteste popolari del gennaio-febbraio 2007 aveva causato 186 morti e circa 1.200 feriti. Le dimissioni forzate di Kouyaté, un diplomatico senza esperienze politiche alle spalle, sarebbero da attribuire all’incapacità del suo governo a risolvere i problemi economici e sociali del Paese. L’entourage del premier "cacciato" sostiene che l’azione del Governo è stata rallentata dal clan del presidente. E dall’ostilità del presidente che rallentando la firma dei decrerti governativi avrebbe di fatto impedito all’esecutivo di funzionare. Il nuovo primo ministro designato, si chiama Ahmed Tidiane Souaré, 57 anni, un tecnocrate legato al clan presidenziale. Nelle sue prime dichiarazioni pubbliche ha detto che cercherà di "servire umilmente ma lealmente il Paese".