Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sudafrica: il leader dell’Anc, Jacob Zuma, alla sbarra per corruzione

Si è aperto stamani in Sudafrica il processo per corruzione e frode contro l’attuale leader dell’African National Congress (Anc), il partito al potere nel Paese, Jacob Zuma, grande favorito a succedere all’attuale presidente sudafricano Thabo Mbeki l’anno prossimo e che ritiene di essere vittima di un complotto politico. Mentre Zuma compariva in aula nel tribunale di Pietermartzburg, nel sud-est del Paese, fuori si è radunata una folla di centinaia di suoi sostenitori, militanti del partito, sindacalisti e comunisti in una manifestazione organizzata dalla stessa direzione dell’Anc, il partito che fu di Nelson Mandela.
Zuma, 66 anni, che ha sconfitto il rivale Mbeki per la leadership dell’Anc lo scorso dicembre, è accusato di aver intascato centinaia di migliaia di dollari in tangenti dal gruppo francese produttore d’armi Thales, di frode e riciclaggio. Se verrà condannato, Zuma ha promesso che si ritirerà dalla vita politica e si ritirerà dalla corsa presidenziale del 2009. Assolto nel 2006 in un processo per stupro, Zuma viene da allora ritenuto dai suoi sostenitori vittima di un «complotto politico».
I manifestanti fuori dalla corte di Pietermaritzburg hanno cantato e scandito slogan come «Jacob Zuma presidente del Sudafrica» e «La legge è uguale per tutti».