Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Save the Children: per 70 milioni di bambini scuola negata

Per oltre 70 milioni di bambini e bambine nel mondo l’istruzione è un diritto negato. Più della metà, 37 milioni, vive in paesi colpiti da guerre o reduci da conflitti. Sono i dati che emergono dal rapporto «Riscriviamo il futuro – due anni dopo» presentato oggi a Roma da Save the Children.

Negli ultimi due anni l’organizzazione internazionale è riuscita a garantire l’educazione a quasi sei milioni di bambini, nelle aree colpite da guerre, con un impegno finanziario di 300 milioni di euro. In particolare 815 mila minori sono andati a scuola per la prima volta, l’equivalente dell’apertura di due scuole al giorno. La somma impiegata da Save the Children Italia fino ad oggi nei progetti per la scolarizzazione dei bambini dei paesi in guerra o post conflitto è di 4,9 milioni di euro. Con Riscriviamo il futuro, ha detto oggi il direttore generale di Save the Children, Valerio Neri, sono stati raccolti in Italia nel 2007 2 milioni e mezzo di euro, quasi quanto stanziato dal governo italiano per la «Fast track initiative» nello stesso anno pari a 3 milioni di euro: «Non voglio incolpare nessuno – ha aggiunto Neri – ma questo finanziamento è scandaloso».

  • Giovanni |

    Scandaloso perchè? Spero che non sia perchè è troppo. I soldi per gli aiuti in Africa non sono mai abbastanza.

  Post Precedente
Post Successivo