Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Armi, Usa e Zimbabwe bocciano Trattato Onu per controllo commercio internazionale

Gli Stati Uniti e lo Zimbabwe sono gli unici Paesi che hanno bocciato, oggi alle Nazioni Unite, un documento che chiede di adottare entro cinque anni un Trattato per il controllo del commercio internazionale di armi.
John Sawers, l’ambasciatore della Gran Bretagna alle Nazioni Unite – uno dei promotori della risoluzione, che è stata comunque approvata dalla prima commissione dell’Assemblea Generale dell’Onu – ha detto che l’opposizione di Washington e Harare «è una combinazione particolarmente curiosa», visto che il presidente Usa George W. Bush ha criticato più volte il collega dello Zimbabwe Robert Mugabe, bollato da molti come un dittatore.

Speriamo – ha detto l’ambasciatore britannico – che la prossima amministrazione statunitense riveda il suo approccio sul trattato di commercio delle armi e ne riconosca i benefici per chi produce e commercia in armi», visto che l’accordo internazionale «abbasserebbe il commercio irresponsabile e illegale». La prima commissione dell’Assemblea ha approvato il documento con 147 sì, 2 no e 18 astenuti. La diplomatica Usa Christina Rocca ha detto che Washington si è opposta ad un «trattato debole» che avrebbe bisogno del via libera dei più grandi produttori di armi del mondo per essere approvato.

  • Giovanni Di Silvestre |

    Non credo che siano solo gli USA, il commercio delle armi con l’Africa non arricchisce solo gli Usa ma parecchi paesi europei e anche alcuni paesi asiatici come la Cina e l’India che di recente sono entrate prepontentemente nel panorama politico africano.

  • Giovanni Di Silvestre |

    Non credo che siano solo gli USA, il commercio delle armi con l’Africa non arricchisce solo gli Usa ma parecchi paesi europei e anche alcuni paesi asiatici come la Cina e l’India che di recente sono entrate prepontentemente nel panorama politico africano.

  Post Precedente
Post Successivo