Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Congo, Nkunda vuole negoziare con il Governo

Il capo dei ribelli congolesi, il generale pastore Laurent Nkunda, intervistato da un gruppo di giornalisti nel suo feudo di Kichanga, ha detto di volere dei negoziati diretti con il governo di Kinshasa, minacciando in caso contrario di «cacciarlo dal potere: «Vogliamo un negoziato diretto con il governo – ha detto Nkunda -. Attendo una risposta. È una loro scelta rifiutare il negoziato con noi. Ma noi li spingeremo a questi negoziati, altrimenti, li cacceremo dal potere». Il ministro per gli Affari Esteri della Gran Bretagna, David Miliband, ha dichiarato oggi che i capi della diplomazia dell’Unione europea riuniti a Marsiglia "non escludono" l’invio di una forza militare nell’est della Repubblica democratica del Congo. Le autorità della provincia del Nord Kivu, nell’est della Repubblica democratica del Congo (Rdc), hanno decretato il coprifuoco nella capitale provinciale Goma.

Militari Ue in Congo. Il ministro per gli Affari Esteri della Gran Bretagna, David Miliband, ha dichiarato oggi che i capi della diplomazia dell’Unione europea riuniti a Marsiglia "non escludono" l’invio di una forza militare nell’est della Repubblica democratica del Congo.
"Stiamo parlando del lavoro dei 17mila membri della forza peace keeping delle Nazioni Unite e del ruolo dell’Unione europea che consiste nel sostegno politico e diplomatico" ha dichiarato Miliband, a margine dei lavori del summit dei ministri degli Esteri dei 27 in corso nella città francese.
Coprifuoco a Goma. Le autorità della provincia del Nord Kivu, nell’est della Repubblica democratica del Congo (Rdc), hanno decretato il coprifuoco nella capitale provinciale Goma, minacciata dai ribelli che si sono attestati a un quindicina di chilometri di distanza.
Il coprifuoco – in vigore dalle 23:00 alle 05:00 – è stato imposto, ha dichiarato il governatore del Nord Kivu, Julien Paluko, «per controllare meglio i movimenti notturni e diurni della popolazione».
I ribelli di Laurent Nkunda sono alle porte della città da mercoledì, dopo aver inflitto una pesante sconfitta ai soldati dell’esercito regolare. Nel corso della settimana a Goma vi sono stati saccheggi, compiuti da entrambe le parti in guerra ma soprattutto dai governativi in fuga.