Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Suore rapite in Somalia: passi avanti nelle trattative

Le suore italiane rapite in Somalia 15 giorni fa "sarebbero in buona salute". Lo riferisce l’agenzia missionaria Misna. "Ci sono progressi nelle trattative informali per la loro liberazione – sottolineano le fonti a Mogadiscio – e alcuni anziani delle comunità locali attivati sulla vicenda hanno detto di averle viste e che sarebbero in buona salute".

Le due missionarie, Maria Teresa Olivero e Caterina Giraudo, sono state rapite a Elwak, in Kenya, la notte tra il 9 e 10 novembre e portate in Somalia da un gruppo di uomini armati. Questa mattina è intervenuto anche il Papa, chiedendo che vengano rilasciate il più presto possibile. L’auspicio di Benedetto XVI è che "questa situazione dolorosa e gravemente ingiusta di cui sono vittime persone del tutto innocenti e benemerite possa risolversi al più presto". Questa sera, l’arcidiocesi di Cuneo, di cui le due suore sono originarie, ha organizzato una veglia di preghiera per il loro rilascio.