Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Tutu: togliete Mugabe anche con la forza

L’arcivescovo Desmond Tutu si «vergogna» di come il Sudafrica non abbia fatto nulla di concreto per fermare Robert Mugabe e ha invocato anche «l’uso della forza» per destituire il padre padrone dello Zimbabwe.
«Se Mugabe continua a manifestare ostinazione e intransigenza si deve chiedergli di farsi da parte», ha detto Tutu, che al giornalista che gli chiedeva se questo significasse anche ricorrere alla forza , ha replicato: «Si, si, o quanto meno minacciarlo. Bisogna avvertire lui e i suoi accoliti che il mondo non resterà a guardare senza fare nulla ma cercherà di rimuoverlo oltre a incriminarlo davanti al Tribunale penale internazionale (Icc)».

Il Nobel per la pace, artefice del tentativo di riconciliazione nazionale tra bianchi e neri dopo la fine dell’apartheid, in un’intervista alla Bbc ha accusato senza mezzi termini la dirigenza sudafricana, il presidente Tabo Mbeki in testa, di «aver tradito l’eredità..della lotta contro un sistema feroce». Tutu critica in particolare «l’ostruzionismo» con cui Pretoria ha «ostacolato la gestione (della crisi dello Zimbabwe) al Consiglio di Sicurezza (Onu)», e di come in questa occasione «non siamo stati dalla parte di chi soffre». Ora, secondo l’arcivescovo, è giunto il momento in cui «possiamo agire».