Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Viaggio in Cameroun / La casa – 10

In questa zona del Camerun, nei villaggi disseminati dentro la giungla
tropicale, la casa viene chiamata compound perché è
composta  da più edifici. Tutti di un piano solo. La casa
principale ha una stanza grande, il soggiorno, che dà sulla
porta d’ingresso, dove si vive e dove si accolgono le persone.

Accanto ad esso ci sono tre stanze da letto, ognuna con un piccolo
bagno e un cucinino. Di solito le donne africane non cucinano qui. In
ogni compound, separato dall’edificio principale c’è una
casetta adibita a cucina a legna. E’ la cucina tradizionale. Si
riconosce perché non ha la canna fumaria ed è tutta
nera dalla fuliggine, dentro e fuori, sui muri e le finestre.Il fuoco
viene acceso dentro la stanza, il fumo la riempie mentre il cibo si
cuoce, lentamente. E più economica da usare rispetto a quella
“moderna” che è dentro casa perché non consuma gas.
Il fumo viene usato per far seccare e aromatizzare alcuni cibi, come
la carne e il pesce. Un po’ la stessa tecnica che usano i ladini in
Alto Adige per fare lo speck. Così mentre cucinano il fumo
invade tutta la piccola casetta e investe inevitabilmente anche chi
sta dentro, le donne. Si fa fatica a respirare.
Le
donne cominciano a preparare i cibi presto al mattino. E tutti appena
alzati, compresi i bambini, aiutano a risistemare la casa. A pulire
per terra con una scopa lunga fatta di foglie lunghe come tanti
bastoncini di legno, senza manico, foglie di un albero di cui non so
il nome che ho visto nella foresta tropicale. Scopano anche fuori,
sul patio che è davanti alla casa e nel terreno di fronte alla
casa, di terra battuta. Nell’insieme la casa è semplice, ma
quando è pulita è dignitosa. Le finestre non sono come
le nostre. Non si possono chiudere, non serve farlo. Qui fa sempre
caldo. Ci sono le zanzariere e delle strisce di vetro che impediscono
di entrare dall’esterno ma che permettono di far passare l’aria.
Dietro all’edificio principale ci sono altre casette adibite a
cantine, altre docce e dei bagni aperti come delle turche, Ma non
vengono usati. Accanto alla casa passa un piccolo torrente con acqua
di sorgente. E l’acqua della casa arriva da una cisterna di
captazione situata più in alto.
La
doccia è fredda. Ma ci si abitua. Non riesco a mettermi subito
sotto il getto. Con il passare dei giorni ho perfezionato la tecnica.
Bagno i capelli e poi i piedi. Superata l’esitazione e qualche
brivido, cantando, gridando, finalmente riesco a bagnarmi tutto il
corpo. Il problema è quando l’acqua non c’è. E’
capitato. A un certo punto è sparita l’acqua. Aprendo i
rubinetti non veniva giù niente. Neanche una goccia. Tutto il
gruppo di case è rimasto senza acqua. E per due giorni non ci
siamo potuti lavare. Fino a quando qualcuno non è andato alla
sorgente a caricare l’acqua per la famiglia.Un secchio pieno deve
bastare per lavarsi. Dalla testa ai piedi. Ci si riesce a farsi una
doccia completa. Anche qui la necessità aiuta l’ingegno e in
qualche modo si fa. Certo, qui capisci quanta acqua sprechiamo senza
badarci. Capisci il valore di una cosa quando non ce l’hai. Provare
per credere.

  • joel |

    Complimenti.Tutta questa gente che sta in aeroporto a non fare nulla ha forse delle colpe,i governanti hanno delle colpe non dando futuro a questa gente.qualcun’altro non vuole riconoscere le sue colpe,quella di aver per decenni trattata questa gente come bestie,averla venduta,comprata,sfruttata e continuato a sfruttare.Spero tanto che racogliendo questa testimonianza,a qualcuno venga voglia di propore delle soluzioni a questa miseria a per lo meno allentarne la morsa.

  • lidia |

    Grazie Riccardo, per averci portato con te nella scoperta del Camerun…sono stata a Fontem per quindici giorni nel 2001 e ho trovato la tua descrizione di alcuni particolari un ritorno ai miei bellissimi ricordi…delle bellissime persone!!!
    Sarebbe bello però che ci fosse un continum
    Grazie ancora soprattutto per averci fatto partecipare da lontano al Cry Day, come avrai visto la famiglia è numerosa e non tutti sono potuti partire…così però è stato quasi come esserci!!!!

  • Maurizio Penso |

    Caro Riccardo, è stata una piacevole sorpresa trovare il tuo sito e conoscerti.L’ho comunicato a diversi miei amici che conoscono Fontem ed è bellissimo seguirti perchè da tanti tuoi dettagli mi sembra di essere lì con te. Attendo con piacere tue notizie.Come mai a quest’ora non ci sei ancora? Hai problemi tecnici? Ciao Maurizio

  • Nekane |

    Grazie per raccontare tutte le esperience visuta nel’Africa, mi sembra stare lí, complimenti!!! almeno è diverso il punto di vista tuo di tutti quello che ci fanno vedere in tv….

  • fabio |

    Ho avuto il piacere casuale di leggerti , e seguire cosi la tua avventura raccontata con un modo coinvolgente e semplice .Complimenti hai proprio il dono di rendere partecipi le persone che ti leggono.Grazie Fabio

  Post Precedente
Post Successivo