Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Congo, ribelli uccidono ancora i civili

Medici Senza Frontiere (Msf) denuncia che nella Repubblica Democratica del Congo i ribelli uccidono ancora civili. A tre settimane dagli attacchi di Natale nella regione nord-orientale di Haut-Uèlè, la Lord Resistance Army «continua i suoi attacchi mortali contro la popolazione civile».

I combattimenti, rende noto Msf, si avvicinano alla città di Dungu, già vittima di «un violento attacco il primo novembre scorso». Dopo l'attacco a Tora, sabato 17 gennaio, sono state prese di mira le località di Sambia, Subani, Akwa, e Tomati e «decine di migliaia di persone sono in fuga da quelle zone».
Msf sottolinea che «è sempre più difficile per il nostro team recarsi in queste città per valutare i bisogni dei profughi, allestire cliniche mobili ed eventualmente trasportare i feriti nell'ospedale di Dungu».
La stima delle vittime è piuttosto approssimativa, aggiunge l'organizzazione, ricordando che un'inchiesta di Human Rights Watch parla di «oltre 600 uomini, donne e bambini assassinati e più di 500 giovani rapiti nel periodo di Natale, mentre il numero dei feriti è estremamente ridotto».