Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Tanzania e Cina, Hu Jintao firma accordi per 22 milioni di dollari

Durante la sua visita in Tanzania, il presidente cinese Hu Jintao ha firmato accordi di cooperazione soprattutto nel campo agricolo e delle comunicazioni per un totale di 21,9 milioni di dollari.

All'inizio della visita nel paese africano, che ha legami con la Cina da oltre 45 anni, Hu aveva elogiato le "relazioni esemplari di sincerità, solidarietà e cooperazione" tra i due paesi. Tra i tre accordi firmati oggi il più importante riguarda un accordo di cooperazione nel settore agricolo che prevede prestiti per un valore complessivo di 120 milioni di yuan (17,5 milioni di dollari). L'80% della popolazione tanzanese dipende dall'agricoltura che resta uno dei settori chiave di questo povero Stato dell'Africa orientale. Pechino ha poi firmato un accordo per sostenere progetti nell'arcipelago semi-autonomo di Zanzibar per rinforzare i settori della tecnologia e della comunicazione per un totale di 30 milioni di yuan (4,4 milioni di dollari).
Gli accordi prevedono anche che giovani volontari cinesi si rechino in Tanzania per periodi della durata di sei mesi fino a due anni per lavorare nel campo medico, delle infrastrutture e dello sviluppo economico. Questo programma sarà finanziato dal governo cinese.
Nel pomeriggio Hu Jintao ha inaugurato a Dar-es_Salam un complesso sportivo di 60mila posti che ospiterà lo stadio nazionale: il progetto da 56 milioni di dollari è stato in gran parte finanziato dal governo cinese. La Tanzania è la terza tappa del tour africano del presidente cinese che si è già recato in Mali e Senegal. La Cina è tra i dieci più grandi investitori in Tanzania. Il commercio tra i due paesi nel 2007 si aggirava sui 794 milioni di dollari.