Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Kenya, rapporto Onu durissimo su violazione diritti umani

Squadroni della morte composti da membri delle forze dell'ordine, giustizia inefficiente e corrotta: è molto duro ed impietoso il quadro che fa dello stato dei diritti umani in Kenya un rapporto dell'Onu pubblicato con enorme rilievo dai quotidiani keniani. Il governo keniano finora aveva sostanzialmente ignorato le prime indicazioni del rapporto; ma ora che esso è completo ed ufficiale, è scattata una dura reazione.

Il rapporto è frutto di una indagine condotta in febbraio sul territorio dal professor Philp Alston, rappresentante speciale dell'Onu per i diritti umani. Quello reso noto è il testo completo, ma alcune conclusioni erano state anticipate. Tra esse, la richiesta di rimozione del capo della polizia Husein Ali ed del procuratore generale Amos Wako.  In pratica il professor Alston è accusato di incompetenza e di interferenza nei diritti sovrani del Kenya.
Poichè appare chiaro che l'affare non è liquidabile con generiche accuse contro il rapporto e chi lo ha steso, si stanno preparando contromosse al più alto livello. Una delegazione governativa composta, tra gli altri, dai ministri della Sicurezza Interna e della Giustizia, e dallo stesso procuratore generale Wako dovrebbe partire lunedì per Ginevra, dove nel corso della prossima settimana intende affrontare il problema dinanzi alla commissione Onu per i diritti umani.