Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Super ricercato per genocidio Rwanda è in Kenya

Gli Stati Uniti chiedono al Kenya di catturare Felicien Kabuga, uno dei super ricercati per il genocidio avvenuto tra aprile e luglio 1994 in Ruanda, quando in 100 giorni furono massacrate almeno 800.000 persone: quasi tutti di etnia tutsi, ma anche hutu moderati.

Lo ha domandato oggi con forza a Nairobi, incontrando la stampa nella residenza dell'ambasciatore Usa, l'inviato speciale della Casa Bianca che si occupa del dossier sui crimini di guerra, Staphen Rapp. Secondo Rapp è infatti ancora in Kenya, Kabuga ricchissimo uomo d'affari ruandese che il tribunale penale internazionale istituito per accertare le responsabilità del genocidio in Ruanda ritiene tra i principali colpevoli della mattanza: avrebbe riccamente finanziato ed armato le bande di miliziani che massacrarono la popolazione.
Che Kabuga, dopo un breve soggiorno in Svizzera, e quindi nella Repubblica Democratica del Congo, sia stato a lungo in Kenya, ospite benvoluto, e probabilmente protetto a suo tempo dal potentissimo presidente keniano Daniel arap Moi (in carica dal 1978 al 2002), è certo. Ma Nairobi sostiene che l'uomo d'affari ha poi lasciato il Kenya.
Rapp contesta la circostanza ed afferma di avere prove certe del fatto che il super ricercato – sulla cui testa gli Usa hanno posto una taglia di cinque milioni di dollari – sia ancora in Kenya, sollecitando con durezza le autorità perchè provvedano all'arresto del criminale ed alla sua consegna al tribunale internazionale, che ha sede ad Arusha, in Tanzania.