Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Zimbabwe: dopo accuse di abusi via militari da campi diamanti

L'esercito e la polizia dello Zimbabwe hanno cominciato a ritirarsi dai campi di diamanti di Marange, nell'est del paese, come vuole il Kimberley Process (KPCS), che li accusa di violazioni dei diritti umani nella regione.


 
Il Kpcs è un accordo teso a garantire che i profitti ricavati dal commercio di diamanti non siano usati per finanziare guerre civili. Secondo quanto riporta la stampa governativa, il ministro delle Miniere, Obert Mpofu, ha dichiarato che il 90% delle condizioni poste dal sistema di certificazione del Kpcs, che vuole eliminare i cosiddetti "diamanti di guerra", sono state soddisfatte: "Abbiamo fatto molto dall'ultimo rapporto del Kpcs per conformarci alle loro raccomandazioni", ha sottolineato Mpofu, citato dal quotidiano The Herald. "Non ci sono più militari o poliziotti nei campi", ha aggiunto.
Il Kpcs ha dato tempo alle autorità fino al giugno 2010 per conformarsi al suo sistema di certificazione. Secondo diversi rapporti, i militari sono ricorsi ai lavori forzati, anche di minori, per estrarre le pietre preziose. Queste risorse finanziano l'esercito e il partito del presidente Robert Mugabe, secondo le ong. Human Rights Watch (Hrw) ha denunciato più di 200 morti nel 2008.
Il ritiro avviene mentre il governo ha autorizzato due aziende sudafricane ad operare nella zona. Secondo un rappresentante di questi investimenti, citato da The Herald, 200 agenti di sicurezza privati hanno sostituito le forze armate: "Prendiamo il controllo di tutte le zone di cui abbiamo la competenza, ma continuiamo a lavorare con degli agenti di sicurezza nazionale per le zone in fase di esplorazione. Se ne andranno dopo che saranno sicure", ha sottolineato il portavoce Dave Kassel.
Intanto la Federazione internazionale di borse di diamanti e l'Associazione internazionale di produttori di diamanti, riuniti ieri ad Anversa, in Belgio, hanno avvertito in un comunicato che tutti i membri che acquisteranno diamanti provenienti da Marange "rischiano l'espulsione".