Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Espulso rappresentante Unicef in Gambia. Il presidente non ammette critiche

Le autorità del Gambia hanno espulso dal paese la rappresentante locale dell'Unicef, il Fondo per l'infanzia delle Nazioni Unite, stando a quanto ha reso noto l'ufficio stampa dell'organizzazione.

Venerdi scorso il governo ha comunicato alla signora
Min-Whee Kang, che è di nazionalità sud-coreana, che non era più «la
benvenuta» in Gambia e che aveva 24 ore di tempo per lasciare il paese.

Sally Sadie-Singhateh, la responsabile stampa dell'Unicef
per l'Africa centro-occidentale, ha detto che la funzionaria, non si
trova più nel paese. Le autorità del Gambia dal canto loro non hanno
fornito precisazioni di sorta. Il presidente Yahnya Jammeh, al potere dopo un colpo di stato sanguinoso nel 1994, non tollera le critiche delle organizzazioni per la tutela dei diritti umani.