Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

In Mali le infibulatrici cambiano lavoro

La campagna contro le mutilazioni dei genitali femminili ha registrato un primo ma significativo risultato nel Mali. Le donne che nel sud del Paese esercitavano il mestiere di «infibulatrice» hanno deciso di abbandonare l'attività. È la riposta a una campagna anti-infibulazione condotta da un organismo locale, il 'Coordinamento delle associazioni e organizzazioni femminilì. Le conseguenze negative della pratica dell'infibulazione sono state spiegate in una serie di incontri svoltasi a Nianaso. Sono stati proiettati filmati che illustravano le complicazioni e le conseguenze di questi interventi, dalle emorragie alle mestruazioni dolorose fino alle morti improvvise. Secondo una dirigente del Coordinamento, la situazione in Mali «è in via di miglioramento e la gente comincia a essere più consapevole».

  • Roberta Ribali |

    Finalmente qualcosa si muove! Le donne devono smettere di subire questa ed altre vessazioni.E devono smettere di pensare che soffrendo, sacrificandosi e lasciandosi martoriare si meriteranno rispetto e amore.Questo lo dico non solo alle islamiche, ma a tutte le donne che accettano e non combattono la condizione di dolore e sottomissione che la società propone loro.

  Post Precedente
Post Successivo