Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il petrolio in Somalia

 La Somalia e gli altri paesi del Corno d’Africa potrebbero diventare, in un futuro molto vicino, il punto di riferimento dell’industria energetica. Secondo quanto anticipato dal governo del paese, entro i prossimi sei anni il Corno d’Africa si affermerà nella produzione di petrolio. La “Somalia Oil and Gas”, società petrolifera con sede a Londra, sostenuta dal magnate russo Alexander Djaparidze, ha completato un’indagine sismica onshore e offshore, dai risultati incoraggianti
i cui dettagli dovrebbero essere pubblicati entro fine anno. Gli imprenditori stranieri, tuttavia, temono di investire in un Paese come la Somalia, costantemente sede dei violenti attacchi da parte dei miliziani integralisti Shabaab, che mettono a rischio la sicurezza. Ma il governo assicura che, grazie anche al contributo dell’esercito dell’Unione Africana, si stanno compiendo molti passi avanti nella lotta contro gli i miliziani somali. L’amministratore delegato della “Soma Oil and Gas”, Bob Sheppard, ha assicurato alla Bbc che l’indagine sismica condotta dalla società è stata effettuata per migliaia di chilometri senza che sia verificato alcun rischio per la sicurezza.
  • CorteSconta |

    Altro posto dopo la Libia dove ci siamo comportati da odiosi colonizzatori e sostenitori di sanguinari dittatori senza nemmeno goderne i frutti: a pieno titolo degni del titolo di stupidi secondo il prof.Cipolla

  Post Precedente
Post Successivo