Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Somalia, truppe somale e Ua conquistano bastione shebab nel sud

L’esercito somalo e gli uomini della forza dell’Unione africana in Somalia (Amisom) hanno preso il controllo di un bastione degli islamisti shebab nel Sud del Paese: si tratta della loro seconda conquista ai danni dei ribelli affiliati ad al Qaida in meno di una settimana. Lo ha annunciato il ministro della Difesa somalo.

«Le nostre forze hanno preso il controllo di Dinsor mettendo in fuga i ribelli dopo la battaglia. I soldati sono ora impegnati nella messa in sicurezza della città», ha dichiarato il ministro, generale Abdulkadir Sheikh Ali Dini. La caduta di Dinsor avviene dopo quella mercoledì, di una località vicina, Bardhere, conqustata dall’Amisom. I due bastioni, situati a circa 350 chilometri ad ovest della capitale Mogadiscio, erano fra gli ultimi nella mani degli islamisti.
L’Amisom ha lanciato la settimana scorsa l’operazione «Jubba Corridor», una nuova offensiva che vede coinvolte anche forze etiopi e kenyane e che punta a cacciare gli shebab dalle zone rurali del Sud.
Ampiamente battuti dalla superiore potenza di fuoco dell’Amisom (poco più di 20.000 uomini) che appoggia l’embrionale esercito somalo, gli shebab sono stati cacciati dall’agosto del 2011 da Mogadiscio poi da quasi tutti i loro bastioni del Sud e del centro della Somalia. Continuano tuttavia a controllare delle vaste zone rurali e hanno abbandonato la guerra convenzionale per adottare prevalemente azioni di guerriglia e terroristiche.